LaConoscenza.NET
Header
Scopri il temperamento e carattere con Psycoroscopo Acquario Pesci Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno
Fondazione
Fondazione
Bambini Orfani   di Papà Vivo
Programming
Programming
Framework dotnet e Sql Server
Psicologia
Psicologia
Viaggio nella Mente
Evolution 2.0
Evolution 2.0
Innovativo Blog Engine
News
News
Informazioni e notize web
In Italia, un bambino su TRE viene condannato ad essere orfano di GENITORE VIVO.

Incontro

Visualizza l'intero eBook Le Vie Dell'Amore  
Passeggiavo distratto dal desiderio di quell’unico pensiero in grado di donare serenità, quando ad un tratto un forte dolore risveglia l’attenzione, un incredibile scontro che in un istante annullò il dolore, mentre lei era già china per raccogliere gli oggetti, che il mio essere incauto, avevo fatto cadere.
A volte il destino si diverte a scatenare imprevedibili eventi, i nostri occhi ci ingannano, la nostra mente si burla di noi pensai, non poteva essere che la mia immaginazione si divertiva con un sarcastico accanimento a tormentarmi.
Mi scusi… scusami non volevo, ero distratto, passavo per caso, dicevo a me stesso di fare attenzione, un fiume di parole sconclusionate e senza senso che scatenarono l’accenno di quel suo disarmante sorriso. Meraviglioso, incantevole, due preziosissimi smeraldi erano i suoi occhi di colore celeste chiaro, che mi sembravano conoscere da sempre, illuminavano quel viso segnato da timide rughe e da una tenua smorfia di dolore che disegnava labbra leggermente incurvate. Il tutto appariva essere intimo sorriso, caldo, dolce che mi veniva donato, con quel senso dell’altruismo che può essere solo di una donna disponibile a donare un sogno.
A volte uno scontro casuale è quel segno del destino che unisce due percorsi, si creano quelle condizioni in cui è impossibile separarsi, perché sarebbe un gesto di crudele indifferenza. Dopo un primo istante in cui nulla sembrava avesse provocato danni, notai che non riusciva a stare in piedi, a causa di quella che appariva essere una leggera distorsione alla caviglia; fu quello l’unico istante di lucidità che mi spinse a chiedergli di accompagnarla. Il suo consenso fu per un'inspegabile fonte di gioia.
Durante il percorso parlavamo poco, forse per il timore che le parole potessero turbare quella magica atmosfera che ci avvolgeva e mentre camminavamo mi chiedevo, cosa avesse da rapirmi in quel modo così spudorato, non poteva essere solo il fascino di una donna, anche se di straordinaria bellezza, il profumo della sua carne, il suo sguardo così penetrante, quegli occhi colore del mare che mi faceva immaginare di navigare in acque tranquille, purtroppo per la mia mente neppure un banale motivo riuscì a dissetare la voglia di sapere, solo la sua voce ruppe il flusso dei pensieri: siamo giunti, io abito qui, se vuoi salire per un tè o altro… non fu neccessario neppure dare una risposta, che il portone si era già aperto per invitarci ad entrare. Non vi era ascensore, per cui ci avviamo verso le scale e nel chiedermi di aiutarla mi offri il suo braccio.
Nel salire la breve rampa di scale, la sua pelle sulla mia procurava impercettibili fremiti seguiti da frammenti di memoria indecifrabili, che sembravano non essere miei. Nell’aprire la porta di casa ci ritrovammo immediatamente in un ambio locale, mi fece segno di accomodarmi sul divano, mentre lei si diresse nella direzione opposta, con un gesto apparentemente involontario, fece cadere sul mobile un portafotografia che dominava quel piccolo spazio che gli era stato riservato, vicino ad un televisore fissato sulla parete, ma invece di rimetterlo nella sua naturale posizione, lo depose nel mobile sottostante. Un attimo arrivo, mi disse e si diresse verso una porta che dal tipo di arredamento che si intravvedeva doveva essere la camera di una bambina, da cui uscì per entrare in quella adiacente, doveva essere la sua camera e in un rituale che mi apparve strano ispezionò tutta l’appartamento, per poi sedersi nella poltrana sufficientemente vicina in modo da poterci vedere in viso.
Paura di essere visitata dai ladri?
Nooo, a cui seguì un suo disarmante sorriso. E’ un rituale che seguo da tempo, nell’infantile speranza di ritrovare una presenza, poi la realtà porta via tutte le mie speranze, il mio più grande, unico sogno d’amore. Non ci sarà mai un altro che potrà colmare quel vuoto, anche se questa sera la tua presenza è fonte di sollievo e speranza di un ritorno. Non voglio annoiarti con il mio passato, voglio essere felice questa sera, perché la tua presenza mi rasserena e mi fa sperare.
Queste tue parole, il dolce e caldo suono della tua voce creano ricordi che sembrano non essere miei, ma nel medesimo tempo mi rapiscono e mi trasportano in un passato. Quale strano e insolito potere ha su di me la tua presenza, i miei ricordi mi dicono che ci conosciamo da poche ore, mentre le mie sensazioni mi ingannano nel suggerirmi che sei parte di un passato che incomprensibilmente non vuole raggiungere il presente. Quanta confusione regna in me. Le sensazioni e i ricordi si rincorrono come due bambini felici che giocano su prati verdi.
Data Inserimento Post 01/01/2017 23:00:01  |  Social Bookmark
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google
  • Yahoo
  • Technorati
  • Facebook
  • OKNOtizie
  • Email
Title I Commenti sono Disabilitati
Software Free
Software Free
Download i migliori software gratis
I migliori blog
I migliori blog
Notizie e articoli dai migliori Blog
Senso di Te
Senso di Te
Raccolta Poesie di Antonio Sammartino
Test Psicologico
Test Psicologico
Test sul Desiderio Femminile
Sogni e Numeri
Sogni e Numeri
Interpretazione dei Sogni in Numeri
Test Psicologico
Test Psicologico
Calcola l'Affinità di Coppia